Green pass europeo: in alcuni paesi quello italiano non viene riconosciuto, in altri i criteri di validità cambiano

Provando le app di verifica di sei paesi europei, ho riscontrato problemi e difformità di comportamento. Vediamo in dettaglio.

In teoria le regole sono chiare e valide in tutta l’Unione Europea e in altri paesi tra cui la Svizzera e la Norvegia. La curiosità di verificare se sia proprio così mi ha spinto a scaricare e provare le app di verifica di sei paesi europei, oltre quella italiana (ogni paese ha sviluppato la propria).

Problemi tecnici per Francia e Svizzera

L’app francese e della confederazione svizzera non riconoscono valida la firma del QR code dei green pass italiani. C’è evidentemente un problema tecnico che mi chiedo se esista anche al contrario, cioè leggendo un certificato di questi paesi con l’app italiana.

Comportamenti diversi

Le app si comportano in modo diverso sulla verifica dei green pass rilasciati dopo la prima dose dei vaccini che ne prevedono due. L’app italiana, VerificaC19 e quella del Belgio riconoscono valido il green pass di persone con una sola somministrazione. Quella del Lussemburgo e quella dell’Olanda no, coerentemente con le regole europee.

L’app della Danimarca si limita a leggere i dati del QR code e presentarli all’utente, senza attivare alcun semaforo.

Il certificato vale da subito

Altra anomalia, riscontrata in tutte le app, è la data di validità del certificato. In teoria dovrebbe essere valido a partire da 14 giorni dal completamento del ciclo vaccinale. Nella pratica tutte le app danno per valido un certificato la cui ultima somministrazione è più recente di due settimane.

Anche la privacy cambia

Il comportamento delle app non è uniforme. Alcune, come quella italiana, si limita a fornire i dati della persona e un’indicazione di validità o meno del certificato. La maggior parte riportano i dati contenuti nel QR Code (tipo di vaccino, numero dosi, data somministrazione, etc..).

Cosa fare

Per chi deve viaggiare all’estero il mio consiglio è di stampare una copia cartacea del green pass che contiene tutti i dati e di portarla con sé o mostrare il green pass dal proprio smartphone in forma completa. L’esibizione del solo QR code potrebbe non essere sufficiente.

Rispondi