COVID-19 Reference Information Model

Covid19RIM.png

Un modello di riferimento minimo per la gestione dei pazienti COVID-19.

Per affrontare tutti i principali aspetti relativi alla prevenzione, la cura e la prognosi del Coronavirus, è necessario raccogliere e correlare diverse tipologie di informazioni.

Il paziente, prima del contagio, può venire a contatto con diverse persone che possono essere individuate tramite un’app o attraverso una ricostruzione fornita dal paziente dei suoi spostamenti. Questo determina l’indagine epidemiologica che, unitamente all’indagine clinica, fornisce le indicazioni al medico per decidere l’esecuzione del tampone e/o la messa in quarantena.

Il paziente può essere a carico di diversi soggetti: i servizi di igiene pubblica, i medici di famiglia e/o l’assistenza domiciliare se a casa; in case di riposo o RSA; in ospedale.

Per gestire il paziente è importante tracciare e registrare tutti gli episodi e gli eventi che lo riguardano che possono essere visite a domicilio, contatti telefonici (automatici o individuali), uso di un’app di sorveglianza, telemedicina e telesalute.

Sintomi e parametri clinici, insieme alle condizioni sociali, lavorative e cliniche pregresse (patologie o deficit), determinano il profilo di rischio del paziente e la situazione clinica corrente.

Quest’ultima potrebbe infine essere adoperata per comporre una sorta di “passaporto sanitario”.

L’insieme di queste informazioni consentirebbe sia la realizzazione di cruscotti clinici per la gestione e il monitoraggio individuale dei pazienti, sia un patrimonio informativo utile per esaminare e misurare l’andamento epidemiologico del COVID-19.

 

Rispondi